venerdì 24 luglio 2015

Antica Sartoria di Positano ospite di Intesa a Expo


Sabato 25 luglio 2015, alle ore 14,30, nello spazio espositivo The Waterstone di Intesa Sanpaolo, appuntamento con Antica Sartoria, la “moda mare Positano” reinterpretata secondo la creatività di Giacomo Cinque. Da bottega locale a brand affermato in tante località di mare anche all’estero.
Con “Ecco la mia impresa” 400 aziende, divise per filiera produttiva, e startup innovative, hanno
l’opportunità di essere ospitate e di avere visibilità all’interno dello Spazio espositivo di Intesa Sanpaolo in Expo. Esempi della qualità del Made in Italy, le aziende sono state selezionate dalla Banca nei diversi territori e nell’ambito dei settori merceologici affini ai temi di Expo: Food, Fashion, Design e Hospitality.

Le aziende ospiti sono state scelte, con la massima attenzione alla
rappresentatività dei territori e all’attinenza ai temi di Expo, attraverso Candida la tua impresa, l’iniziativa promossa da Intesa Sanpaolo con una capillare attività di promozione sui media e attraverso la propria piattaforma editoriale. Nel padiglione dell’Expo Intesa Sanpaolo presenta i suoi servizi e i suoi prodotti in un ambiente che tratta i temi dello sviluppo sostenibile e responsabile, in sintonia con il tema di Expo “Nutrire il Pianeta, Energie per la Vita”.

Ecco Antica Sartoria. Il fenomeno della “moda Positano” nasce alla fine degli anni ’50 quando la località, dedita prevalentemente alla pesca, diventa una meta turistica sempre più ambita. Il clima mite e vacanziero induce i turisti a indossare abiti freschi e informali: a partire da questa tendenza, i positanesi più intraprendenti silanciano nella produzione di capi tagliuzzando foulard, asciugamani di lino o cotone, corredi delle spose, lenzuola finissime ricamate a mano.

I “pezzari”, come vengono definiti questi sarti e commercianti improvvisati, usano i tessuti presenti nelle case locali per confezionare abiti ampi e scollati, originali copricostume, gonne e camicie con inserti in pizzo e merletti al tombolo, dal fresco bianco a un’infinita scelta di colori e fantasie vivaci. Il successo è immediato e si impone così un nuovo stile.

Aprono tante piccole botteghe di sartoria artigianale ed è in una di queste che Giacomo Cinque esprime tutta la sua passione per i tessuti e i ricami, realizzando capi unici e stravaganti. Dall’incontro con Riccardo Ruggiti nasce l’Antica Sartoria Positano. Originario di Positano, Giacomo assorbe tutta la vitalità degli anni ’70, passa da un laboratorio all’altro e apprende tecniche di stampa e sartoria: negli anni ‘80 è già una firma affermata e apprezzata anche dai buyer stranieri.