giovedì 6 agosto 2015

Emergenza per il porto di Napoli


E’ indispensabile che nel Porto di Napoli si ristabiliscano quanto prima condizioni di piena operatività.
CONFETRA condivide pienamente le gravi preoccupazioni che le diverse componenti del cluster marittimo, portuale e logistico Napoletano e Campano hanno espresso al Presidente del Consiglio ed
al Ministro delle Infrastrutture e Trasporti.
L’intervento del Governo nazionale non può più limitarsi al presidio attento della situazione. Quello delle Istituzioni territoriali non può più limitarsi a dare soluzioni parziali a questo o quell’aspetto di una vicenda tanto intricata quanto opaca.

Siamo di fronte, dopo quella di Taranto, ad una nuova emergenza che rischia di indicare al mercato soluzioni alternative e stabili all’utilizzo degli scali del Meridione d’Italia.
Una emergenza dai molteplici aspetti che quindi chiama in campo la Presidenza del Consiglio, i Ministeri delle Infrastrutture e Trasporti, del Lavoro e dello Sviluppo Economico che insieme alla Regione ed alle altre Istituzioni Territoriali, alle Organizzazioni Sindacali ed a quelle delle Associazioni Imprenditoriali valutino ed aggrediscano tutti gli aspetti di un contenzioso che rischia di travolgere il porto di Napoli.