sabato 8 agosto 2015

Lavorare insieme per l'arrampicata


L'arrampicata indoor e outdoor è una delle attività ricreativo-sportive che ha riscontrato i più alti valori di crescita negli ultimi dieci anni.
La diffusione delle strutture artificiali per arrampicata e delle falesie attrezzate in tutta Europa, non ha
solo fatto esplodere il numero dei praticanti, ma ha modificato in modo importante anche il modo di rapportarsi all'attività.
Questo cambiamento d'approccio rappresenta una sfida importante per le organizzazioni che si occupano della promozione e valorizzazione del climbing che vogliono individuare modalità migliori per intercettare i nuovi praticanti, trasmettere i valori dello sport, rispetto dell'ambiente e sicurezza
Le quattro organizzazioni CAI ( Club Alpino Italiano),

Collegio delle Guide Alpine Italiane, FASI (Federazione Arrampicata Sportiva Italiana) e UISP - Lega Montagna (Unione Italiana Sport per tutti), che in Italia rappresentano e organizzano l'arrampicata nelle sue varie declinazioni, si sono incontrate per confrontarsi e valutare la necessità e la possibilità di una sinergia volta alla promozione, valorizzazione e gestione di questa attività.

Sul tavolo temi importanti e "caldi" che hanno stimolato un dibattito acceso e costruttivo che è sfociato nell’unanime decisione di dare vita a un tavolo di confronto e lavoro comune sulle tematiche più importanti dell'arrampicata:
- definizione dei limiti e rapporti tra pratica nel contesto associativo, sportivo e turistico
- definizione dei rapporti tra volontariato e professionismo
- definizione degli ambiti organizzativi, formativi e operativi delle figure esistenti
- definizione e formazione di nuove figure professionali
- promozione della sicurezza trai praticanti
- modalità di gestione della sicurezza nelle falesie attrezzate
- promozione e sviluppo dell'arrampicata tra i giovani
- costruzione di una consulta permanente che possa essere riferimento sul tema arrampicata per istituzioni pubbliche e sportive